Jainworld
Jain World
Sub-Categories of Italy Languages
Namokaar Mantra
  Saman Suttam
  IL JAINISMO
  JAINISM IN ITALY

ESTRATTI DA:

“SAMAN SUTTAM,
IL CANONE DEL JAINISMO,
LA PIU’ ANTICA DOTTRINA DELLA NONVIOLENZA”

13.PRECETTI SULLA VIGILANZA

(160) Questo è con me e questo non è con me, questo è fatto da me e questo non è fatto da me: anche nel momento in cui pensi così sei attaccato dalla morte. Stando così le cose, come puoi essere disattento?

(161) Chi dorme perde senza accorgersene tante buone cose di questo mondo. Quindi, rimani sveglio tutto il tempo e distruggi i karma accumulati in passato.

(162) E’ meglio che il devoto resti sveglio e che il malvagio dorma: questo è stato detto dal Jina a Jayanti, la sorella del re di Vatsadesa.

(163) La persona saggia e con un’intelligenza acuta dovrebbe rimanere sveglia anche in mezzo agli addormentati; non dovrebbe compiacersi né rilassarsi, perché il tempo logora e il corpo è debole. Perciò dovrebbe sempre rimanere vigile, come il favoloso uccello Bharanda.

(164) La disattenzione è la causa dell’afflusso del karma. L’attenzione lo ferma.
Colui che non è attento è ignorante, chi è attento è saggio.

(165) L’ignorante non può distruggere i karma attraverso le proprie azioni, mentre il saggio può distruggere i karma attraverso l’inazione, ovvero controllando le proprie azioni in modo da essere libero dall’avidità e dalle bramose passioni; essendo pago non commette nessun peccato.

(166) Chi non è vigile si sente costantemente minacciato dalle paure; invece chi è vigile non prova nessuna paura.

(167) Una persona pigra non potrà mai essere felice e una persona addormentata non potrà mai acquisire la conoscenza. Una persona che possiede attaccamenti non potrà acquisire la capacità di rinuncia e una persona violenta non potrà acquisire la compassione.

(168) O esseri umani, siate sempre vigili! Chi è costantemente all’erta acquisisce sempre più conoscenza. Chi non è vigile non è beato. Chi è vigile è sempre beato.

(169) La persona compassionevole, vigile e rispettosa delle altre vite, la persona che è sempre cauta quando solleva e sistema una cosa quando urina, quando defeca, quando si siede, quando si muove e quando dorme è realmente una seguace della Nonviolenza.